Menu Chiudi

Scegliere un vestito

sarta intenta nella preparazione di un vestito

Oggigiorno quando hai voglia di un abito nuovo o necessiti di un vestito per andare ad un matrimonio risolvi tutto in un pomeriggio.
Ti rechi in un grande magazzino o in una boutique, se le tue finanze lo permettono, e fra una miriade di abiti scegli e ne provi anche una decina, paghi con la carta di credito e il vestito ti viene prontamente consegnato in una bella borsa.
Non so se vi ricordate che non era così 50 o 40 anni fa. Infatti l’oggetto dei nostri desideri non lo si aveva in un pomeriggio ma ci voleva un mese e forse più.
Per prima cosa bisognava recarsi dalla sarta e sfogliare un po’ di figurini, quando si era scelto il capo, la sarta ci prendeva le misure e ci diceva quanti metri di stoffa bisognava acquistare.
Il giorno seguente si faceva un giro fra le bancarelle del mercato, che vendevano stoffe, poi in centro nel negozio di tessuti, si confrontavano i prezzi e si sceglieva.
Successivamente ci si recava dalla sarta che ci fissava un appuntamento per una prima prova. A distanza di giorni ce ne sarebbe stata una seconda. Trascorreva così un mese e forse più, finalmente si tornava dalla sarta a ritirare il vestito avvolto in un foglio di carta fermato con gli spilli perché non avevano ancora inventato il ferma punti.
Forse voi direte che era una faticaccia ma io trovo che era meglio allora perché si gustava l’attesa.

Celeste Travaino

< indietro <

Iscriviti a Quipercaso

0
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com